Dr. Carlo Cenerelli - Omeopata a Milano
  • Prenota la tua visita
    (+39 338 7058978)
  • Via Monte Rosa, 51
    20149 Milano (MI)
  • Dal Lunedì al Venerdì dalle 09:00 alle 13:00
    e dalle 14:30 alle 19:30
  • Il Dr. Cenerelli risponde personalmente alle
    telefonate, tutti i giorni dalle 09:30 alle 10:30

Quello che segue è il primo saggio di introduzione all’Omeopatia scritto dal Dr. Carlo Cenerelli.
E' stato pensato da un esperto di Omeopatia, con l'intento di chiarire meglio - anche ai meno esperti - cosa sia l'Omeopatia e come funziona.
E' frutto del lavoro di oltre 40 anni di Omeopatia e ricerca.
Il testo è depositato presso la S.I.A.E. e protetto da Copyright© 2014

Introduzione all'Omeopatia© - Introduzione

29/07/2014
DR. CARLO CENERELLI

INTRODUZIONE. Con il termine OMEOPATIA si intende un approccio terapeutico che impiega farmaci - spesso definiti RIMEDI - che agiscono NELLA STESSA DIREZIONE del meccanismo di autoriparazione messo in atto dall’organismo malato che non ha la capacità di portare a un recupero completo. Il farmaco è quindi personalizzato a QUELLA MALATTIA in QUEL MOMENTO in QUEL PAZIENTE. Introduciamo subito la figura di Samuele Hahnemann - nato a Meissen, in Alta Sassonia, nel 1755 e morto a Parigi nel 1843. La sua biografia è presente in molti libri a lui dedicati, per non parlare di Internet. Egli stesso si presenta in un'autobiografia che troviamo riportata da uno dei suoi migliori biografi, il dottor Richard Huges. Hahnemann in [...]

Introduzione all'Omeopatia© - I testi fondamentali

31/07/2014
DR. CARLO CENERELLI

CAPITOLO 1. I testi fondamentali che illustrano la dottrina dell’Omeopatia, disciplina ancora rivoluzionaria, sono, considerando dapprima quelli scritti da Hahnemann: l’ "Organon dell’arte di curare", "Le Malattie Croniche" e "Scritti minori". L’Organon fu rivisto e corretto più volte da Hahnemann, dalla sua prima edizione del 1810, all’ultima, la sesta, scritta nel 1842 e pubblicata postuma la prima volta nel 1921. Le vicende legate quest’ultima sono affascinanti come un libro giallo. Certo è che in essa sono esposti i principi della applicazione del metodo in maniera rigorosissima. L’opera “Le Malattie Croniche” comprende una ampia Materia Medica con i rimedi fino allora sperimentati. Questa è preceduta [...]

Introduzione all'Omeopatia© - I Principi Fondamentali

23/08/2014
DR. CARLO CENERELLI

CAPITOLO 2. Analizziamo alcuni dei Principi Fondamentali dell’Omeopatia SIMILITUDINE IDENTITA’ MORBOSA DILUIZIONE DINAMIZZAZIONE Primi fra tutti sono quelli di identità morbosa e di similitudine. Si intende con Identità Morbosa il fatto che ogni malattia, pur condividendo con altri pazienti sintomi comuni, che sono quelli che ne permettono la diagnosi - parlo ad es. del morbillo, del colon irritabile, qualsiasi malattia - tuttavia presenta caratteristiche proprie che fanno sì che quel morbillo o quella colite appartenga a quel paziente. Il secondo – fondamentale passo - é quello di individuare una Similitudine tra la sintomatologia del paziente e le caratteristiche del rimedio sperimentato sulla perso [...]

Introduzione all'omeopatia© - Le Parole Chiave

01/09/2014
DR. CARLO CENERELLI

CAPITOLO 3. Torniamo alle parole chiave dell’Omeopatia: similia similibus curentur. Il simile si curi con il simile. Concetto già preconizzato da Ippocrate e applicato e descritto dal grande Paracelso, considerato precursore di Hahnemann. Il concetto di similitudine viene esasperato in Omeopatia cercando di individuare il farmaco (noi lo chiamiamo rimedio) che più di altri può essere visto come l'identikit del paziente. Essendo ogni essere un unicum irripetibile - solo due gemelli omozigoti sono UGUALI in quanto portatori dello stesso patrimonio cromosomico, - lo scopo è quello di trovare il massimo di similitudine tra i sintomi indotti nello sperimentatore durante il proving e i sintomi del paziente. Come avviene in poliz [...]

Introduzione all'omeopatia© - Studio del paziente, parte 1

29/09/2014
DR. CARLO CENERELLI

CAPITOLO 4. Prima di iniziare l'anamnesi sistematica del paziente in cura - anamnesi in gran parte coincidente con quella convenzionale - facciamo alcune considerazioni essenziali. Il primo fattore da analizzare nel paziente è quello degli elementi costitutivi, e primo tra tutti quello costituzionale, ereditario. Il bagaglio genetico è rappresentato dalla fusione - al momento del concepimento - del patrimonio cromosomico materno e paterno. E’ facilmente intuibile che questo patrimonio è derivato, a sua volta, e con la stessa - diciamo così - procedura, della fusione del patrimonio genetico dei rispettivi genitori - cioè i nonni dell’individuo in esame. Lo stesso vale per i bisnonni e via via per tutti gli antecedenti che h [...]

Il Personal Branding Management del Dr. Carlo Cenerelli è curato da YouBrand S.r.l.: